EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

TRATTA DELLE RAGAZZE NIGERIANE

Un video racconta la storia delle ragazze nigeriane trafficate in Italia e sfruttate nella prostituzione di strada.

Nei primi tre mesi del 2017 sono quasi 1600 le ragazze Nigeriane arrivate via mare in Italia (UNHCR) e stimiamo che almeno l’80% di loro sia destinata ad essere immessa nel mercato del sesso a pagamento.

La tratta di esseri umani dalla Nigeria e il loro sfruttamento sono un fenomeno drammatico, che ogni anno aumenta esponenzialmente e si diffonde in modo capillare in tutte le Regioni italiane. On the Road da più di venti anni incontra queste donne nelle strade dove sono sfruttate, offrendo aiuto e percorsi di uscita.

Il vieo è il risultato di un progetto (formazione, ricerca, storytelling) realizzato dall’Associazione On the Road grazie al supporto dell’Ambasciata Americana in Italia, ed è stato realizzato a partire dalla raccolta di decine di storie di vita delle ragazze nigeriane accolte nei centri e nei programmi di protezione dell’Associazione On the Road.

L’obiettivo del progetto è quello di far conoscere la catena di eventi che portano queste ragazze sulla strada. La speranza di una vita migliore in Europa, la proposta di lavoro fatta da una persona vicina alla famiglia, il rituale voodoo che incatena le ragazze a ripagare il debito contratto con l’organizzazione. Queste ragazze partono coraggiose e piene di speranze, per ritrovarsi protagoniste di un incubo, fatto di inganni, false promesse, violenze e riduzione in schiavitù.

Il video è soprattutto un invito a riflettere e informarsi. I soccorsi in mare, gli sbarchi, l’estrema povertà dei paesi di origine e le prostitute sulle nostre strade sono tutti fenomeni collegati.

Vuoi saperne di più? Iscriviti alla nostra newsletter! O leggi la storia di Blessing.

Se vuoi aiutarci nella lotta al traffico di esseri umani, dona il tuo 5×1000 a On the Road, a te non costa niente ma per noi vale molto. Ecco come fare!

© Redazione, On the Road Onlus

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *