Conferenza Internazionale sulla Tratta di Esseri Umani

Tratta Eventi

venerdì 15 dicembre 2017

Oltre le terre di mezzo3 – Una conferenza internazionale sulla tratta degli esseri umani per orientarsi tra vecchie e nuove forme di tratta di persone, politiche da adeguare e diritti umani da garantire in Italia e nel mondo. Il 29 e 30 gennaio 2018 a Roma.

La tratta di persone non conosce sosta. Prospera, si diversifica, muta per rispondere alle esigenze dei diversi mercati locali e globali e alle azioni di contrasto delle forze dell’ordine. Si intreccia, è parte costitutiva o si confonde con altri fenomeni e ambiti, tra cui, il traffico di migranti, l’immigrazione irregolare, la protezione internazionale, lo sfruttamento lavorativo, il lavoro forzato, la prostituzione, l’accattonaggio. Si mimetizza nel paesaggio urbano o si insedia nei luoghi di esclusione consolidati contribuendo a creare una toponomastica della marginalità che non compare in nessuna carta geografica ufficiale ma che è ben presente nei percorsi di lavoro delle organizzazioni che si occupano di migranti.

Dall’inizio degli anni Novanta ad oggi, la tratta ha conquistato progressivamente posizioni sempre più rilevanti nelle agende delle istituzioni e delle organizzazioni nazionali, europee ed internazionali. Negli ultimi venti anni sono state messe in campo legislazioni, piani d’azione, sistemi di referral multi-agenzia, interventi intersettoriali, strumenti operativi, protocolli d’intesa locali e transnazionali, ricerche, linee di finanziamento per prevenire e contrastare la tratta e fornire supporto specializzato a migliaia di donne, uomini, ragazze, ragazzi, bambine e bambini trafficati a scopo di sfruttamento sessuale, lavorativo, nelle economie illegali, nell’accattonaggio conto terzi, per espianto di organi. Eppure tutto ciò non pare essere stato sufficiente. La tratta continua ad essere tra i business criminali più lucrosi e tra i meccanismi di violazione sistematica dei diritti umani delle persone che ne sono vittime. Perché dunque gli sforzi compiuti finora sono (stati) inadeguati a contrastare tale fenomeno?

In Italia, nonostante il ventennale sistema anti-tratta e l’altrettanto ventennale sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati siano ben rodati e in grado di assistere migliaia di persone, le lacune continuano ad essere sempre le stesse, come anche i più recenti report di Greta del Consiglio d’Europa (2017) e dell’OIM (2017) hanno evidenziato. Da anni, ad esempio, si continuano a registrare l’insufficiente capacità di identificazione, la penuria di strutture di accoglienza e la loro scarsa diversificazione, la parca disponibilità di programmi di inclusione di lungo periodo, l’elevato numero di minori stranieri non accompagnati che scompaiono poco dopo il loro arrivo e le inadeguate misure ad essi dedicate, il carente coordinamento tra gli attori e gli interventi. A queste mancanze si aggiunge la limitata produzione di ricerche scientifiche e l’assenza di politiche trasversali coordinate in grado di rispondere alla complessità di fenomeni altamente interrelati.

La conferenza “Oltre le terre di mezzo3” intende essere un’occasione di confronto per capire come migliorare la capacità di programmare politiche ed interventi di prevenzione e di contrasto alla tratta nonché di supporto e protezione delle vittime di tratta. A partire dalla messa in discussione del ruolo dei dati sulla tratta, dalla necessità di chiarire la continua confusione tra fenomeni e soggettività coinvolte (persone trafficate, richiedenti protezione internazionale, rifugiati, migranti economici irregolari), dalle difficoltà quotidiane affrontate per garantire i diritti delle persone trafficate, la conferenza mira ad allargare lo sguardo per capire come le politiche migratorie, nazionali, europee ed internazionali possano mettere a rischio la tutela dei diritti delle vittime di tratta nei luoghi di origine, transito e destinazione. Intende inoltre offrire l’opportunità di scambiare saperi e competenze attraverso la condivisione di pratiche di lavoro implementate in diverse parti del mondo, dalla Nigeria al Perù, dagli Stati Uniti al Nepal, dal Messico all’Egitto, per contrastare forme di tratta, in alcuni casi poco note in Italia.

 

LUNEDÌ 29 GENNAIO 2018

  • Giovanna Boda, Capo Dipartimento presso il Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri
  • Vincenzo Castelli, Presidente, Associazione On the Road
  • Maria Grazia Giammarinaro, Relatrice Speciale ONU sulla tratta di esseri umani, specialmente di donne e minori
  • Mike Dottridge, Esperto internazionale di tratta di esseri umani
  • Pina De Angelis, Associazione On the Road
  • Katharine Bryant, Autrice e Research manager, Walk Free Foundation
  • Michäelle De Cock, Senior researcher, Organizzazione Internazionale del Lavoro
  • Mariarita Peca, Coordinatrice dei progetti nazionali, Medici per i Diritti Umani (MEDU)
  • Corallina Lopez Curzi, Program Coordinator Cild / Open Migration
  • Giorgia Serughetti, Ricercatrice, Università di Milano Bicocca
  • Salvatore Fachile, Avvocato, ASGI
  • Fabio Sorgoni, Associazione On the Road
  • Claudio Donadel, esperto sulla tratta di esseri umani
  • Giuseppe De Mola, Ricercatore, Medici Senza Frontiere Italia, Advocacy Unit
  • Laura Bartolini, Ricercatrice, OIM
  • Mario Palazzi, Magistrato, Procura di Roma

 

MARTEDÌ 30 GENNAIO

  • Isabella Orfano, Esperta diritti umani e tratta
  • Mark Latonero, Professore, University of Southern California(TBC)
  • Debra Budiani-Saberi, Direttrice, Coalition for Organ-Failure Solutions
  • Norma Negrete Aguayo, Direttrice, EDIAC/ECPAT Mexico
  • Pedro Córdova, Direttore, Capital Humano y Social Alternativo
  • R. Evon Idahosa, Executive Director, PathFinders Justice Initiative
  • Norbert Cyrus, Senior Researcher, Europa University Frankfurt/Oder
  • Suzanne Hoff, Coordinatrice internazionale, La Strada International
  • Alberto Andreani, Programme and Capacity Building Officer, OSCE
  • Vincenzo Castelli, Presidente Associazione On the Road

 

EVENTO: Gratuito con iscrizione obbligatoria.

LOCATION: Sala della Regina – Camera dei Deputati, (Palazzo Montecitorio, Roma).

DRESS CODE: Abito formale. Per gli uomini è richiesto l’uso della giacca.

CON IL SUPPORTO DI:Camera dei deputati, Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, CIDU Comitato Interministeriale Diritti Umani, Ambasciata Americana a Roma

LINGUE UFFICIALI: italiano, inglese e spagnolo. Sarà disponibile un servizio di traduzione simultanea.

PERNOTTAMENTO: Gli iscritti alla conferenza potranno usufruire di tariffe agevolate presso L’Hotel Trevi da concordare direttamente con l’ufficio booking dell’hotel.

 

ATTENZIONE! I POSTI A DISPOSIZIONE SONO TERMINATI

A causa dell’elevatissimo numero di richieste, abbiamo dovuto chiudere il form di iscrizione. Vi ringraziamo di cuore per l’interesse mostrato nei confronti nel nostro lavoro. Iscriviti alla newsletter per ricevere i materiali del convegno!

Newsletter

 

Articoli correlati: